Vai ai contenuti

il rifugio e la sua storia

Pubblicato il 7 years ago da Carolina

Com'è nato il Rifugio e come è cresciuto.

In questa sezione vi raccontiamo com'è nato e cresciuto il nostro Rifugio.
Per adesso ci limitiamo a farlo attraverso le immagini degli ultimi anni: sono ancora poche ma contiamo di fare una vera e propria gallery, in futuro, raccogliendo le foto fatte in tanti anni sepolte chissà dove. 
Il Rifugio è nato alla fine del 1998 in seguito allo smantellamento del vecchio Canile Municipale ed il trasferimento degli ospiti (smistati fra le due strutture dell'Associazione, nelle Frazioni di Paganica e Filetto) gestite dalla Sezione di L'Aquila della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, in convenzione con il Comune di L'Aquila
La divisione in due strutture ha portato però molti disagi dovuti alla distanza dei due ifugi fra loro e dunque alla dispersione delle forze (già esigue) dei pochi che se ne occupavano; ad aggravare la situazione il fatto che il Rifugio di Filetto fosse in un luogo meaviglioso dal punto di vista "naturale" ma decisamente troppo freddo per una struttura del genere.
Da qui la decisione di ampliare la struttura di Paganica e realizzare una serie di lavori per rendere la vita dei nostri ospiti migliore possibile.
Speriamo che apprezzerete questo piccolo tour virtuale nel nostro mondo

Com'è fatto il Rifugio?

Il nostro Rifugio si estende su una superficie di circa 1 ettaro di terreno: è costituito da 120 box di varie grandezze. Un box medio è in genere di 50m2 ed ospita dai 2 ai 4 cani.
Gli ospiti sono suddivisi nei box a seconda delle compatibilità caratteriali: le femmine adulte sono tutte sterilizzate così come molti dei maschi.
I corridoi che attraversano la struttura - chiusi da cancelli - vengono utilizzati, fra le altre cose, come zona sgambamento per i cani.
I box sono su terra e ghiaia: ognuno contiene le cucce rialzate (coperte da ondulina nei box dove non sono presenti le tettoie) e le ciotole per cibo e acqua.
Durante l'inverno le cucce sono riempite con la paglia, al fine di far stare al caldo gli ospiti; l'estate, invece, i box dove non ci sono piante ed alberi, vengono coperti - per una parte - da rete ombreggiante, così da garantire un pò di "frescura".
Il Rifugio è dotato di un magazzino attrezzi, un box con serbatoi e autoclave, una struttura con ufficio, toilette e spogliatoio ed un'altra con magazzino, infermeria e box degenza.
La struttura cambia e migliora di giorno in giorno e sono tante le novità che speriamo, nel prossimi tempi, di potervi raccontare attraverso queste pagine. Tenete sempre d'occhio il Blog per gli aggiornamenti.